Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

×

Gentili Utenti,

questo breve messaggio è per riconoscere che il dono del 5x1000 dell’Irpef alla nostra Associazione è un modo semplice e gratuito per aiutarci a mantenere e migliorare il nostro servizio.

Nel modello per la dichiarazione dei redditi (CUD; 730; UNICO persone fisiche) troverete uno spazio dedicato alla “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef”.

Vi ricordiamo che se desiderate donare il Vostro 5x1000 alla nostra Associazione nell’area per il “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, potete inserire la vostra firma e il numero di Codice Fiscale dell’Associazione Amici del Libro Parlato Lions ONLUS:

93005850032

Per quanto farete Vi ringraziano in anticipo gli amici e i volontari del Libro Parlato Lions



\speed=20

Un nuovo straordinario amico: Luca Barisonzi

Pubblicata il 04/11/14

  

Con gioia e commozione salutiamo tra i nostri nuovi amici utenti Luca Barisonzi, il caporal maggiore degli Alpini che, dopo il gravissimo incidente occorsogli durante la missione in Afghanistan, ha saputo reagire con un coraggio ed una forza di volontà tali da testimoniare a tutto il mondo i valori della vera Italia.
 

"Il Caporale Luca Barisonzi, ferito in Afghanistan dal soldato afghano che ha ucciso Luca Sanna, e' stato colpito da due colpi di arma da fuoco all' altezza della clavicola con lesione di una vertebra cervicale e di una toracica"

( dal comunicato del Ministero della Difesa )

Nonostante gli interventi dei medici Luca Barisonzi, Alpino di Voghera ferito nell' attentato del 18 Gennaio 2011 a Bala Morghab in Afghanistan, ha perso l'uso degli arti.
Non ha tuttavia perso la volontà, indomabile: il 18 Agosto, utilizzando uno speciale mezzo cingolato, e' arrivato ai 4.554 mt. della punta Margherita del Monte Rosa, riuscendo, come dice lui, a "toccare il cielo", realizzando un' impresa già molto ardua per le persone "normali".

     

Il suo impegno, la sua voglia di combattere anche contro le avverse vicende e sopratutto la voglia di vincerle sono testimoniate anche nel libro " La Patria chiamò", il libro di un "ragazzo" prima ma sopratutto un eroe di positività adesso.

E' una storia che sarebbe piaciuta al compianto Candido Cannavo', la cui penna avrebbe aggiunto in maniera mirabile anche questa testimonianza di volontà e voglia di vivere nel suo toccante e splendido libro " E li chiamano disabili".
 


Vai all'archivio: Ultime News
Tutti i diritti sono riservati - 2010 - Libro Parlato Lions
Powered by 4mmg